Temi discussi nella presentazione (lezione interattiva)

Le grandi civiltà: dalla rivoluzione agricola alla rivoluzione urbana

Con una serie di immagini e di grafici appositamente preparati verrà spiegato il fenomeno della neolitizzazione focalizzando le grandi trasformazioni economiche seguite alla scoperta dell'agricoltura e della pastorizia.  Verrà messa in relazione la nuova abbondanza di alimenti con l'enorme incremento demografico che caratterizzerà la nuova epoca storica.

Una particolare riflessione riguarderà le trasformazioni ambientali a seguito della scoperta dell'agricoltura: gli incendi delle foreste, lo sfruttamento dei suoli e i processi di desertificazione di origine antropica. Il tutto verrà presentato con esempi semplicissimi e con immagini capaci di comunicare immediatamente il problema che stiamo discutendo.

Si analizza un'antica mappa di età preistorica (neolitico o prima età dei metalli, rinvenuta in val Camonica). Si vedranno le tipologie insediative relazionate con la scoperta dell'agricoltura e della pastorizia, dalle palafitte alle case con i muri di fango dei primi agricoltori, a base quadrata, alle case circolari dei pastori.

Con riferimento alla Mesopotamia si vedranno le tipologie costruttive dei primi insediamenti, analizzando la casa, il villaggio e la nascita delle città.

Alcune immagini degli scavi e delle ricostruzioni della città di Mari metteranno in evidenza il concetto organizzativo della città sumera, dalla Zigurat ai magazzini, dalle abitazioni civili alla organizzazione viaria interna.

Verranno messe a confronto, a livello urbanistico le antiche città sumere con una cittadina egizia, e le relazioni di queste con la campagna.

In una serie di mappe si vedrà nei diversi periodi storici l'espansione dei regni mesopotamici e con l'ausilio di alcune immagini approfondiremo le tematiche relative all'ordine sociale e alle strutture economiche. Grazie ad una mappa generale e ad alcune foto ambientali cercheremo di dare un'idea sul tipo di paesaggio e tipo di ambiente che ha visto sorgere gli albori della società.

Grazie ad una mappa incisa dai babilonesi in una tavoletta di argilla valuteremo il significato della geometria e della necessità di conoscere in modo preciso il territorio e si rifletterà sulla differenza con la precedente mappa  neolitica della val Camonica.

Osservando le tavolette iscritte sumeriche e babilonesi parleremo dell'origine della scrittura, che al contrario di quanto si crede è una invenzione che risale al paleolitico superiore.

Si valuteranno alcuni tipi di scritture.

Con una carta geografica dell'Egitto, con una foto satellite della stessa area e con una serie di foto aeree si potrà approfondire il rapporto tra la cultura antica egiziana e il territorio del Nilo. Verrà approfondito il discorso sulle opere di bonifica e sull'introduzione di nuove tecnologie agricole e artigianali, il tutto supportato da immagini specifiche scelte tra le più significative trovate nelle pitture o rilievi parietali all'interno di tombe o palazzi della valle dei Re.

Si parlerà delle piramidi e delle eventuali loro funzioni.

Sempre attraverso immagini scelte tra le pareti decorate della valle dei Re tratteremo del lavoro dello scriba, del macellaio, del carpentiere e di quest'ultimo si valuterà l'importanza delle imbarcazioni per la navigazione fluviale e si metteranno a confronto con le imbarcazioni per la navigazione marina dei fenici, introducendo il concetto base di queste nuove civiltà di grandi mercati a servizio degli stati agricoli o pastorali.

Se il tempo lo consente è possibile anche presentare un breve confronto tra la cultura paleoveneta e quella fenicia focalizzando l'importanza che in quell'epoca ebbero le regioni metallifere e tutta la lavorazione artigianale dei diversi metalli.